la grafia del limone. #0

E' qualcosa, esiste! E su questo i dubbi potrebbero tendere a non piovere, a non distaccarsi, screditandomi. Su questo possiamo dipingerci accordo?
Ora bisogna dargli un'anima, un perché. Perché lei esiste. E quindi: Scusi esiste, perché?

Sono frangenti inutili, di per se. Sono scatti piccoli piccoli di momenti talmente piccoli da non riuscire a percepirne il contesto, la situazione. Ed è questo il punto che si cerca di tramutare in forza. Quadratini oltre qualsiasi (o comunque oltre molti) tipi di razionalità, di squadratura e materializzazione della mente, del pensiero.

Il limone. Una fotografia frizzante, fresca. Soprattutto acerba, aspra.
Mi piace, questo gusto di limone, unito ad una grafia che la luce suggerisce e la mente amplia, sfonda, reinventa.

Ecco, questo è quasi tutto. Il resto a voi, tutto a voi.

Scatti a caso, di momenti a caso e del tutto involontari per evocare altrettanto casuali, e impulsivi spiriti di emozione, o reazioni allergiche.


tobia alberti, 10 ottobre 2012