operavomi pensieri alle tempie #1

come pensando, e vivendo prender forma. sì che attimo colga e baglior non rimuova.
contorni che, come persiane, reggono sguardi in modo indifferente e pacifico.

di sole e di luce, di vita e d'interno. interno che piano divora gli occhi che fuori vedono (ma un poco meno). interno che, colore del tuo viso, ingabbia il mondo e lo scivola nell'essenzialità di pochi gesti, sfumature, elementi.

sì che il giorno si svegli in grazia d'ombra così come di luce. e svegliando non urli, canto di occhi che ora, chiusi, sognan realtà.

che il giorno pensava, per me
che il giorno pensava, per me

fatti candela e, bruciando, taci
fatti candela e, bruciando, taci

l'alba che pone sguardo.
l'alba che pone sguardo.

per gentil palpito
per gentil palpito

rispetto ad un sincero e ad un prato di neve
rispetto ad un sincero e ad un prato di neve

brillii di domenica
brillii di domenica
tobia alberti, 18 marzo 2013