operavomi pensieri alle tempie #8

Che di torna si impasta l'aria, tutte le mattine. intorno a lampioni spenti, cuscini caduti, finestre socchiuse, occhi come le finestre. Al bianco della luce che nasce, della luce che cresce. Della luce che ieri è morta, insieme a te, sotto le coperte, o sul terrazzo dell'estate.

S'attorciglia il suono del mondo che si sveglia, del mondo che non dorme e si risveglia comunque, insieme, accanto, d'apparenza essere, d'apparenza sostenere. 
Minuscola lettera minuscola, scoglio di tazze ed altri biscotti, scoglio di venti ed altri giorni, di rose (un dì) scolpiti.

ma siilo, piano e sola.
ma siilo, piano e sola.

guardo casuali litri di calore incolore
guardo casuali litri di calore incolore

mi serve un dottore. un dottore e una mela.
mi serve un dottore. un dottore e una mela.

impalpabilmente misterioso (tu)
impalpabilmente misterioso (tu)

volli sapere il gusto del cielo
volli sapere il gusto del cielo

la fronte in fronte a te
la fronte in fronte a te


tobia alberti, 07 settembre 2013