HRVATSKA - cammina in tondo (borse in mano)

Una febbre della mente. Una lunga corsa senza ostacoli o riposo nella Croazia che sorge all'Europa, nella Croazia che cammina a lato di strade di terra e canzoni di carta.
Scivolando disperati in giorni che colore e uomini sottraggono al bianco accecante del sole. Al bianco di altri pensieri, di altre porzioni di realtà e preghiera, scure di voci aggraziate ed altri cenni di abbandono.
Voglio gridare l'uomo, l'opera che ne scopre figlio, la natura. Gridare di luce che frigge, di riflessi che fuggon, di grandi mani di colla pronte, dietro la loro custodia, a stringere il viso dello sconosciuto senza viso. Grandi mani di colla che ombrelli, carrozzine e figli stendono al chiaro del sole. Per ritirarli al bussare della fine.

uno

due

tre

quattro

cinque

sei

sette

otto

nove

dieci

undici

dodici

tredici

quattordici

quindici

sedici

diciassette

diciotto

diciannove

venti

ventuno

ventidue

ventitre

ventiquattro

venticinque

ventisei

ventisette

ventotto

ventinove

trenta

trentuno

trentadue

trentatre

trentaquattro

trentacinque

trentasei

trentasette

trentotto

trentanove

quaranta

quarantuno

quarantadue

quarantatre

quarantaquattro

quarantacinque

quarantasei

quarantasette

quarantotto

quarantanove

cinquanta

cinquantuno

cinquantadue

cinquantatre

cinquantaquattro

cinquantacinque

cinquantasei

cinquantasette

cinquantotto

cinquantanove

sessanta

sessantuno

sessantadue

sessantatre

sessantaquattro

sessantacinque

sessantasei

sessantasette

sessantotto

sessantanove

settanta

settantuno

settantadue

settantatre

settantaquattro

settantacinque

settantasei

settantasette

settantotto

settantanove

ottanta

ottantuno

ottantadue

ottantatre

ottantaquattro

ottantacinque

ottantasei

ottantasette

ottantotto

ottantanove

novanta

novantuno

novantadue

novantatre

novantaquattro

novantacinque

novantasei

novantasette

novantotto

novantanove

cento

centouno

centodue

centotre

centoquattro

centocinque

centosei

centosette

centootto

centonove

centodieci

centoundici

centododici

centotredici

centoquattordici

centoquindici

centosedici

centodiciassette

centodiciotto

centodiciannove

centoventi

centoventuno

centoventidue

centoventitre

centoventiquattro

centoventicinque

centoventisei

centoventisette

centoventotto

centoventinove

centotrenta

centotrentuno

centotrentadue

centotrentatre

centotrentaquattro

centotrentacinque

centotrentasei

centotrentasette

centotrentotto

centotrentanove

centoquaranta

centoquarantuno

centoquarantadue

centoquarantatre

centoquarantaquattro

centoquarantacinque

centoquarantasei

centoquarantasette

centoquarantotto

centoquarantanove

centocinquanta

centocinquantuno

centocinquantadue

centocinquantatre

centocinquantaquattro

centocinquantacinque

centocinquantasei

centocinquantasette

centocinquantotto

centocinquantanove

centosessanta

centosessantuno

centosessantadue

centosessantatre

centosessantaquattro

centosessantacinque

centosessantasei

centosessantasette

centosessantotto

centosessantanove

centosettanta

centosettantuno

centosettantadue

centosettantatre

centosettantaquattro

centosettantacinque

centosettantasei

centosettantasette

centosettantotto

centosettantanove

centoottanta

centoottantuno

centoottantadue

centoottantatre

centoottantaquattro

centoottantacinque

centoottantasei

centoottantasette

centoottantotto

centoottantanove

centonovanta

centonovantuno

centonovantadue

centonovantatre

centonovantaquattro

centonovantacinque

centonovantasei

centonovantasette

centonovantotto

centonovantanove

duecento

duecentouno

tobia alberti, 4 ottobre 2013