di singolari occhi dal bel volto

la parzialità del tragitto tra il dito e il braccio, il princìpio di grigio che scioglie trentaquattromila sguardi in fila.
l'uomo, anche lui in fila tra sé e sé, guarda il cielo.
il cielo, arrabbiato tra sé e sé, sorride, ma non rivela, accenna, racconta, gioca come i bambini della zia di ginostra.
del domani, domani. del poi, poi.

"sono qui".
"quasi".

(suono di essere umano)

nome di persona

nome di persona

nome di persona

nome di persona

nome di persona

nome di persona

nome di persona

nome di persona

nome di persona

ciao.

tobia alberti, 20 marzo 2015