Mandorle dolci, mandorle amare ed armelline

Abbiamo dorato i campi con tutte le dita,
e con i piedi abbiamo corso.

Le foglie passeggiavano per le strade, erano foglie alte,
erano foglie diverse tra di loro.

Serie,
lunghe,
verdi,
marroni,
affilate,
divertite,
tonde,
tonde.

ö

Eran ruote, quando li guardai,
quando mi guardarono.

(Qui, dentro la porta)

Eran carrozze e sono imbarcazioni,
erano battelli ed in ogni caso proporranno una passeggiata,

Oppure qualsiasi altro suono.

Ognuno di essi esiste in quanto espressione della terra,
in quanto fiume di nuvole,
nuvole di vapore.

Ognuno di essi è un cucchiaio ed una luna,
come il latte è nella tazza,
o il pesto è nella ciotola di ceramica.

Giacciono sul volto mio,
Che è il volto tuo.

Pelle non è superficie.

"Non lo è".

Tobia Alberti - 12 luglio 2015