Tulipani ocra baluginano intorno, ancora

Il dì del sigillo.

Era stato varie finestre come siepe luminescente,
trasparente,

muri,
casa,
io.

Si era detto chi era, e poi ne aveva cambiato ancora i contorni.

Sabbia.

Sabbia che sabbia, che sabbia,
e diceva.

E dice di tutto, di tutto,
all'ira dell'ora.

Sei terra, sei sale, sei mela, sei brace.

Ciao.
origine

Tobia Alberti - 9 febbraio 2016